Tempo di lettura: 2 minuti

Riuscire a comunicare tridimensionalmente, attraverso un allestimento, che sia fieristico, temporaneo o permanente, è un’arte che deve essere collegata ad un percorso di comunicazione generale aziendale. Un anello, forse l’ultimo, di una catena progettuale che singolarmente ha un valore ma che, unitamente a tutti gli altri, riveste un’importanza tale da essere l’elemento di congiunzione del pensiero con l’immagine che si propone al cliente e al visitatore. 

Non ci sono parole o testi ma solo impressioni visive, concetti e spazi tridimensionali che devono restare impressi nella memoria visiva di colui che passa e in pochi secondi riceve le informazioni pensate, studiate e create dalla comunicazione aziendale. 

Un anello non è una catena, ma l’insieme di tutti gli anelli crea un insieme forte e indissolubile atto a comunicare il messaggio aziendale. 

Rappresentare tutto questo, nella tridimensionalità degli spazi, concentrando gli stessi al fine di contenere i costi, rispettando la filosofia della marca rappresentata, è un lavoro impegnativo, che deve essere realizzato da professionisti in team. 

Non sfarzi, non voli pindarici e vezzosità, ma linee concrete e schiette che identificano il marchio e che rappresentano il prodotto. 

Forme, colori, spazi usati sapientemente per dare un’armonia progettuale e un contesto coreografico atto ad esaltare il prodotto, nel rispetto delle esigenze aziendali.